Contatti

I poeti

I poeti lavorano di notte
quando il tempo non urge su di loro,
quando tace il rumore della folla
e termina il linciaggio delle ore.
I poeti lavorano nel buio
come falchi notturni od usignoli
dal dolcissimo canto
e temono di offendere Iddio.
Ma i poeti, nel loro silenzio
fanno ben più rumore
di una dorata cupola di stelle.

(Alda Merini)

Stretta perduta

IMG_2186

Amami, ma non con i sorrisi, con i flauti

o con i fiori intrecciati. Amami con il cuore

e con le lacrime, così, come io t’amo, col petto

e con i gemiti.

Quando coi miei si alternano i tuoi seni,

quando sento la tua toccare la mia vita, quando

le tue ginocchia salgono dietro di me,

la bocca ardente non riesce più neppure

a cercare i tuoi baci.

Stringimi, stringimi forte, così com’io ti stringo.

Guarda, la lampada s’è spenta, corriamo

nella notte. Mentre stringo il tuo corpo flessuoso

sento il tuo gemito incessante.

Gemi, gemi, donna! Eros

ci perde nel dolore. Soffriresti meno,

su questo letto, dando alla luce un figlio

che partorendo questo amore.

(Pierre Louys)

 

 

 

 

Dove sei?

IMG_2202

Dove sei?
Ti cerca il mio cuore
si dispera
per Te
per questo Amore
donato
infinito
nel suo divenire,
impetuoso nel suo
Essere.
Il vento sussurra agli alberi
d’un Amore
sublime
e lo porta
lontano
da umana
profanazione.

(Gioacchino Eduardo Lazzara)

 

 

Io ti chiesi

occhi cielo stelle

 

Io ti chiesi perché i tuoi occhi
si soffermano nei miei
come una casta stella del cielo
in un oscuro flutto.

Mi hai guardato a lungo
come si saggia un bimbo con lo sguardo,
mi hai detto poi, con gentilezza:
ti voglio bene, perché sei tanto triste.

(Hermann Hesse)

Ricordi

 

IMG_0034

Come l’onda del mare
s’infrange sugli scogli
così il tuo amore
s’infrange nel mio cuore.
Come il vento
sussurra alle fronde
così il tuo Amore
sussurra al mio cuore.
Ho trovato l’Amore
ho ritrovato il mio cuore
disperso nel tempo.
Antiche parole
di tenerezza
baciano l’anima mia
già dispersa
nel mondo di Ade.
Dolore e gioia,
sentimenti
contrastanti,
ti chiedono Amore
ti chiedono vita.
Paura di vivere
paura d’Amare
il mio cuore grida
Amore.
Amore di Te,
desiderio
di labbra di carne.
Desiderio di carezze
tenere d’Amore.
Ricordo di un tempo
lontano.

(Gioacchino Eduardo Lazzara)

Tienimi per mano

 

 

 

IMG_2159

Tienimi per mano al tramonto,
quando la luce del giorno si spegne e l’oscurità fa scivolare il suo drappo di stelle…
Tienila stretta quando non riesco a viverlo questo mondo imperfetto…
Tienimi per mano…
portami dove il tempo non esiste…
Tienila stretta nel difficile vivere.
Tienimi per mano…
nei giorni in cui mi sento disorientato…
cantami la canzone delle stelle dolce cantilena di voci respirate…
Tienimi la mano,
e stringila forte prima che l’insolente fato possa portarmi via da te…
Tienimi per mano e non lasciarmi andare…
mai…

(Herman Hesse)

Rimani

IMG_2174

Rimani! Riposati accanto a me.

Non te ne andare.

Io ti veglierò. Io ti proteggerò.

Ti pentirai di tutto fuorché d’essere venuta a me, liberamente, fieramente.

Ti amo. Non ho nessun pensiero che non sia tuo;

non ho nel sangue nessun desiderio che non sia per te.

Lo sai. Non vedo nella mia vita altra compagna, non vedo altra gioia

Rimani.

Riposati. Non temere di nulla.

Dormi stanotte sul mio cuore…

(Gabriele D’Annunzio)

 

I poeti lavorano di notte

IMG_2123

I poeti lavorano di notte
quando il tempo non urge su di loro,
quando tace il rumore della folla
e termina il linciaggio delle ore.
I poeti lavorano nel buio
come falchi notturni od usignoli
dal dolcissimo canto
e temono di offendere Iddio.
Ma i poeti, nel loro silenzio
fanno ben più rumore
di una dorata cupola di stelle.

(Alda Merini)

Desiderio

IMG_0046

Entrò, bruciando di passione.

Ad occhi chiusi, le lingue

si incontrarono. Mai,  nella vita, un bacio

come quello.

In piedi contro di me mi amava,

mi voleva. Lento, tra le cosce calde,

il ginocchio saliva. Io le cedevo

come a un amante.

La mia mano strappava la sua tunica,

cercava il corpo nudo. Morbida

lei si fletteva, poi di colpo fremeva

irrigidendosi.

Con gli occhi ardenti fissava

il letto: ma non era concesso amarsi

senza nozze. Di colpo

ci staccammo. 

(Pierre Louys)